“Il peso del bagaglio.”

Verso il Lago d’Aviolo_2019

“E poi, quando le hai scovate, cosa ne fai delle tue paure?”
“Le annuso, perché la paura ha sempre un odore che non puoi dimenticare.
Le disegno, e trovo un colore nuovo ogni volta; le sfumo con le dita lungo i margini, per dare loro evanescenza.
Le affronto e le attraverso, prendendole di petto, squarciando esse, non me.
Le lascio entrare nei miei sogni, finte padrone di una traccia da recitare.
E poi, infine, per tenerle a bada – e a volte chi lo sa davvero quanto è difficile? – infine, parto da sola, viaggio, e le ammansisco camminando.
In un lavoro che nessuno mai capirà quanto costa.
Cogli tu la parvenza di un idilliaco girovagare, ma chi lo sa davvero quanto pesa il mio bagaglio?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: