Cammino di Carlo Magno_da Malonno a Edolo

Oggi tappa breve, che mi permette di indugiare al B&B Il Pettirosso a Malonno, dove ho trascorso la nottata. Un luogo tranquillo, poche camere ampie e silenziose. Assolutamente consigliato, sia a chi decide di spezzare la tappa Capo di Ponte-Edolo del Cammino di Carlo Magno, sia a chi percorre la Via Valeriana, che passa proprio fuori dall’uscio.

Mi gusto la colazione, che è per me da sempre un pasto importante e di gran carica sia energetica, che fisica, che psicologica.

Ho occasione di incontrare Eva, la proprietaria del B&B, che mi fa compagnia tra una fetta di pane e marmellata, una torta e un pezzo di formaggio. Scopro che anche lei ha trascorsi da pellegrina, ed è pure parente di una mia cara amica. Piccolo mondo (antico e montano).

Il tempo scorre piacevolmente, ma alle 9 devo rimettermi in cammino; ci lasciamo con un abbraccio e la promessa di rivederci.

Torno sui miei passi, attraversando il paese e il Ponte delle Capre e riprendo la traccia che avevo lasciato ieri.

All’edicola votiva mi ricollego alla ciclovia dell’Oglio: stupenda, ombrosa, il silenzio che solo la natura sa regalare, il fiume che scorre lento alla mia sinistra.

Procedo in solitudine tra ruscelli e casolari in pietra; incontro qualche ciclista e un contadino. Nessun altro.

C’è spazio per i pensieri.

Per fare il vuoto dentro (costruttivo), è per me necessario avere il vuoto fuori. Le riflessioni viaggiano meglio in una testa sgombra di parole e suoni.

E qui c’è tutto quel che serve, la colonna sonora migliore.

Lambisco il piccolo borgo di Rino e mi avvio verso il paese di Sonico.

Lungo il tratto asfaltato, comunque in sicurezza e con marciapiedi ben tenuti, mi fermo alla Casa della Memoria nell’ex Polveriera, luogo del Ricordo.

Fu teatro nel 1945 di un rovinoso bombardamento da parte degli angloamericani, per impedire ai tedeschi di rifornirsi di munizioni. E così è rimasta, sventrata, per anni; poi recuperata e sapientemente restaurata, mantenendo il luogo aperto, senza tetto, così come la guerra l’aveva lasciato.

Da memoria di guerra a luogo e monito di Pace.

Aggirarsi all’interno, con il rispetto dovuto, è stato toccante.

Riprendo la strada fino a Sonico, dove mi fermo a riposare all’ombra sul sagrato della Chiesa di San Lorenzo.

Entro nel borgo vecchio di Sonico: le stradine tra due ali di case in pietra, la torre, la piazza.

Sonico
Sonico
Sonico_la Torre

È un po’ tutta qui, la semplicità. La quiete, il vivere lento: si apprezza la melodia che risuona in questi borghi.

Respiro. E cammino.

Risalgo lungo via Santuario della Madonna ed arrivo in un luogo carico di spiritualità: il Santuario della Madonna della Pradella.

Mi fermo per uno spuntino sotto un albero e, come ogni volta, vorrei congelare il momento e non ripartire.

Ma la strada chiama e in salita passo a fianco del santuario, seguendo le frecce rosse coronate.

Strade sterrate, incontri asinini, sottopassi, cascine…procedo in silenzio, talora canticchiando.

Quando la vegetazione si apre, intravedo Edolo in lontananza. Il cammino mi porterà attraverso l’abitato di Mu, prima di iniziare a scendere di quota.

Il sentiero per arrivare a Mu è tra due ali di alberi, che mi danno frescura in questo pomeriggio caldo. In cielo iniziano a comparire in distanza nuvoloni scuri.

Attraverso l’abitato di Mu, devio seguendo l’indicazione verso il castello, ma resto delusa dalla presenza di una zona recintata per lavori in corso e messa in sicurezza di un fronte franato.

Non mi resta che incamminarmi verso Edolo, che vedo appena sotto; ultimo tratto in discesa, urbanizzato ma tranquillo.

In un attimo raggiungo la piazza attraverso vicoletti stretti e caratteristici.

Edolo mi accoglie e incornicia il mio arrivo in un cuore rosso.

Il riposo. La soddisfazione. Il gusto.

I miei sensi appagati.

A presto, Carlo Magno.

Per informazioni:

Homepage

Gruppo Facebook “Amici della Via Valeriana dal Lago d’Iseo alla Valle Camonica”

http://www.facebook.com/groups/196478467814144

http://www.turismovallecamonica.it

http://trenord.it

3 risposte a "Cammino di Carlo Magno_da Malonno a Edolo"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: