Percorso del Pellegrino, da Punta San Vigilio a Pai_Lago di Garda

Incuriosita dal nome, che è per me di forte richiamo, decido di seguire il Percorso del Pellegrino, una delle antiche vie di collegamento tra Garda e Malcesine, utilizzata dai pellegrini per portarsi verso Verona e da qui poi a Venezia e imbarcarsi per la Terra Santa.

Raggiungo Punta San Vigilio, dove è sempre bello lasciar correre lo sguardo a pelo d’acqua, e indugio sul pontile alla ricerca della luce migliore e del silenzio prezioso che mi permetta di raccogliere i pensieri da portare in cammino.

Locanda San Vigilio

I piedi chiamano, risalgo verso la statale e procedo pericolosamente a bordo strada verso sud per alcune centinaia di metri, fino all’imbocco di via Castei dove trovo la segnaletica per San Vigilio-Sengie-Graffiti e, poco dopo, la deviazione sulla destra per il Percorso del Pellegrino, con una pendenza che si fa subito importante.

In un attimo siamo io e il bosco: solitario, silenzioso, profumato.

Il lago si nasconde per poi improvvisamente riapparire alla mia sinistra: l’orizzonte non è nitido, ma il panorama si fa comunque apprezzare.

Cammino in completa solitudine per buona parte della mattinata, su un percorso vario che alterna asfalto (poco) a sterrato, strade bianche, bosco, rocce, lastricati.

C’è una bella varietà di vegetazione: passo da uliveti a boschi di querce e attraverso piccoli borghi dove regna un religioso silenzio.

Torri, località Loncrino, edicola raffigurante “Madonna con il Bambino” prob. sec. XVIII

Di tanto in tanto il panorama si apre e mi regala il “mio” lago, e terrazze panoramiche meravigliose.

Procedo verso Crero, lungo un tratto di pietraia che mi riporta con il pensiero alla tappa da Ponte de Lima a Rubiães lungo il cammino portoghese. Difficile dimenticare la salita all’Alto de Portela: tanta fatica in tanta bellezza.

A Crero la settecentesca chiesetta di San Siro è purtroppo chiusa; qui incontro due coppie dirette in senso contrario al mio e ci scambiamo le informazioni sul percorso.

Io proseguo e scendo verso Pai. Oggi mi fermerò qui, pranzo in spiaggia. Il lago tutto per me: il regalo più bello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: