Pieve della Mitria: tesoro del popolo minuto.

Apassolento è saper cogliere la meraviglia a tutto tondo, in lentezza e in armonia con ciò che ci circonda; ed è per questo che oggi, in una, già a buon ora, afosa mattina di luglio, metto a riposo i piedi e nutro lo spirito e gli occhi. Di arte, e non solo, si nutre l’uomo che ha animo fine ed è aperto alla bellezza.

Mi hanno sempre affascianto le Pievi, forse per la fierezza con cui si pongono in luoghi spesso isolati, per questo loro stare solitarie lontane dal frastuono del mondo: un po’ mi somigliano.

20170723_084159IMG_4481

La Pieve della Mitria, o Chiesa di Santa Maria Annunciata, sorge poco fuori dall’abitato di Nave (Brescia): il nome Pieve viene dal latino “plebs” che indica il popolo, e nel Medioevo identificava quelle chiese a cui facevano capo i Cristiani di un dato territorio. Viene detta della Mitria in riferimento, si pensa, ad una stele romana trovata al suo interno e dedicata al dio Mitra; la credenza popolare vuole invece che il nome provenga da un’osteria, presente nel piccolo borgo di case vicine, che, nella sua insegna,  faceva bella mostra del copricapo del Vescovo, appunto detto mitria.

IMG_4460
la stele del dio Mitra

Addossata alla Chiesa una costruzione rurale, che serviva da accoglienza e raccolta dei pellegrini nei tempi passati, e tutt’intorno ettari di vigneti e le pendici del bosco a chiudere il panorama.

La facciata esterna, della fine del 1400, ha struttura a capanna, con addossata un’ala aggiuntiva sulla sinistra; il portale, probabilmente in origine molto più piccolo, è di epoca posteriore (1600).

IMG_4446

All’interno, sotto una volta a crocera, si offre ai miei occhi un tripudio di affreschi di carattere religioso e scene evangeliche, alcuni chiaramente databili al 1501, altri che si presume risalire alla fine del 1200.

20170723_094537

Le cappelle, che si aprono ai lati della navata centrale, mostrano scene evangeliche e per lo più ritraggono Santi riconoscibili dagli attributi tipici (es. San Cristoforo, protettore dei viandanti e invocato a protezione contro la morte improvvisa; San Francesco d’Assisi, a cui è dedicata interamente la terza cappella a destra, affrescato da un maestro pittore di Nave, a cui si riconducono anche gli affreschi laterali e l’Annunciazione dell’abside; Sant’Antonio Abate; Santa Lucia, che regge il piattino con gli occhi cavati; San Bernardo; San Nicola da Bari, presente in due affreschi e riconoscibile perchè tiene in mano le tre sfere d’oro; San Rocco, con caratteristica piaga alla coscia, dovuta alla peste; San Sebastiano, con il corpo trafitto dalle frecce; …).

20170723_091851
Cappella della Passione, affresco della Deposizione datato 1501

20170723_095139

L’abside è di epoca tardogotica, la cui forma tipica poligonale si apprezza molto bene all’esterno. Originariamente era pù piccola, poi ampliata verso la fine del 1400. Ha una decorazione importante, costituita da tre affreschi: due laterali, che ritraggono i dodici Apostoli, che recitano il Credo, ciascuno con in mano il filatterio; e l’Annunciazione nella parte centrale superiore.

20170723_094336
Abside

L’Annunciazione, che dà il nome alla Chiesa, è tema ricorrente e si ritrova spesso negli affreschi, ma anche a livello dei pilastrini lignei dell’altare barocco. La presenza della Madonna con il Bambino è altro tema ben rappresentato.

La Cappella a sinistra entrando, è detta Cappella del SS. Sacramento, o del Corpo di Cristo, ed è un’aggiunta successiva (1505-1510) alla pianta originaria della chiesa (si nota bene dall’esterno); accanto si apre l’accesso all’ossario dei morti della peste.

20170723_091521
Cappella del SS. Sacramento

Curiosa è la collocazione del campanile, costruito all’interno della Chiesa, e a sua volta affrescato.

20170723_093829
Torre del campanile, all’interno della Chiesa

La visita della durata di un’ora, densa di notizie artistiche, storiche e di divagazioni sul tema, viene offerta a titolo gratuito ogni domenica e giorno festivo durante l’estate, dopo la Santa Messa delle ore 8, con inizio alle ore 9 e alle ore 10.

Mi riempie gli occhi di meraviglia e di voglia di tornare: un patrimonio di valore inestimabile, da godere a passo lento.

Per informazioni: http://www.pievemitria.org

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: