Nosso Senhor (e la pietra)

Esistono luoghi dove i tramonti assumono connotati  profondi e vibranti, dove il silenzio è talmente denso e carico di significati da sembrare musica, luoghi che ti chiamano prepotentemente e non puoi loro resistere, come Ulisse ammaliato dalle Sirene di omerica memoria.

Uno di questi è la Cappella do Senhor da Pedra, appoggiata sull’omonima spiaggia, a circa 15 km a sud di Porto (Portogallo), lungo la costa oceanica. La si raggiunge con la linea ferroviaria Linha de Aveiro dalla Estacao do Porto Campanha, fino a Miramar o, meglio ancora, scendendo qualche fermata prima (Francelos) e poi allungandosi verso sud a piedi sulle passatoie di legno tipiche delle spiagge portoghesi. Ho imparato che il modo migliore per conoscere un luogo, è proprio l’avvicinarsi ad esso con i propri passi. E così decidiamo di fare.

La Cappella, costruita nel 1686 sopra uno scoglio, sembra appartenere sia al mare che alla spiaggia: punto di riferimento per i pescatori al largo e luogo di pellegrinaggio per i viandanti.

Narra la leggenda che, quando gli abitanti di Gulpilhares si preparavano a costruire un eremo per Nosso Senhor, fosse frequente l’apparizione di una luce sopra le rocce vicino al mare; tutte le notti la stessa luce misteriosa riappariva, facendo credere agli abitanti che fosse un segnale venuto dal cielo. Per questo motivo, si decise di abbandonare l’idea di costruire la Cappella nel villaggio, preferendo questo posto magico.

Le giornate in Portogallo, complice la posizione estremamente ad ovest, scorrono lunghe e regalarsi il tramonto sull’oceano è un dono struggente come pochi spettacoli la natura sa offrirci.

20170318_183035

A marzo il sole accompagna il nostro cammino, nonostante si stia facendo sera, e la brezza che arriva dal mare fa da colonna sonora allo spettacolo che si manifesta davanti a noi.

Incredibile

immensa

vastità.

20170318_18585520170318_183824

I colori dell’ambra, il desiderio di toccare la sabbia, il rumore delle onde che si rifrangono sui pochi scogli che sembrano messi lì apposta per reggere la chiesa: un pugnetto di pietre a fare da contrafforte.

Tutto questo è Senhor da Pedra. Indescrivibile magia.

Lasciamo che gli occhi parlino con il mare.

Silenzio. Sipario. Lo spettacolo ha inizio.

20170318_184253

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: