Cammino di Muxia e Finisterre_la partenza

8 mesi fa entrai in questa stessa piazza, Praza de Obradoiro, al termine di un cammino che si è rivelato, come previsto, soltanto l’inizio, con uno zaino troppo pesante per me, piangendo per l’emozione che ti regala il mettersi in gioco in solitudine e uscirne più forte.

Oggi riparto da qui: con un corpo, ahimè, più appesantito, uno zaino un po’ più leggero, nel cuore un dolore sottile che ha il sapore dello zucchero filato e ti si appiccica ovunque, mille pensieri nella testa e una nuvola di punti interrogativi a farmi da ombrello.

Vado verso l’oceano, a passi lenti e con fatica, e con la consapevolezza di chi sa che non c’è alcuna meta mai nella vita.

La meta è dove arrivi, hai ultimato il tuo percorso, hai compreso tutto, tutto perdonato.

L’ultimo istante della propria vita, solo quello è meta.

Forse.
Tutto il resto è cammino.

E io vado.

20170415_071301

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: